Bacheca Sito Nursind Pescara (cliccare su immagine) CORSI ECM

                      

I CORSI ECM   SARANNO  PROPOSTI NEL 2022  covid permettendo

corso ecm 26.11.21   ediz. mattutina   ediz. pomeridiana

Lettura Della Busta Paga: Guida Completa
Alla Comprensione Di Tutte Le Voci

   

Sentenza della Cassazione n° 5547 del 1 marzo2021 dà ragione al sindacato Nursind segreteria di Messina : gli infermieri turnisti hanno diritto al buono pasto.

Una vittoria che finalmente dovrebbe regolarizzare dei buchi normativi a totale favore dei lavoratori, nonché a regolarizzare il diritto sacrosanto alla PAUSA MENSA e/o BUONO PASTO.
“Il nostro legale, l’Avv. S. Lincon, insieme a P. Quartaronello (segretario amministrativo NurSind Messina) hanno portato brillantemente avanti tutti i tre gradi di giudizio ottenendo tre vittorie contro l’Ospedale Papardo, ottenendo il diritto al buono pasto per i turni di lavoro che superano le 6 ore”, è il commento di Ivan Alonge, segretario territoriale NurSind Messina.
Aggiunge l’avvocato Lincon - Consideriamo con estrema soddisfazione tale vittoria di rilevanza storica e soprattutto giurisprudenziale che farà da apripista nelle varie amministrazioni Italiane.


“Grazie a questa esperienza chiediamo a tutti i colleghi di credere ancora nella giustizia e porre fiducia al sindacato infermieristico che da sempre si è dimostrato dalla parte dei lavoratori - continua Alonge - ringraziamo Paolo quartaronello e l’avv. Lincon per aver combattuto in prima persona la battaglia e di seguito vi riporto le considerazioni del legale che ha seguito la vicenda:
In data 01/03/2021, a seguito della delibera della Corte Suprema di Cassazione, si è conclusa la querelle coinvolgente l'Azienda Ospedaliera Papardo – in quanto ricorrente – e Paolo Quartaronello, dipendente turnista dell'azienda medesima.


La sentenza della Cassazione ha arriso, ancora una volta, a quest'ultimo, confermando l'esito della precedente – emanata in data 18 dicembre 2018 dalla Corte d'Appello di Messina -, in ragione della quale si andava accertando il diritto di Quartaronello di beneficiare dell'erogazione dei buoni pasto per ogni turno lavorativo eccedente le sei ore e condannando, conseguentemente, l'Azienda Ospedaliera al risarcimento del danno.
Al di là dei tecnicismi di sorta, indiscutibilmente, la sentenza in questione non può che assurgere al ruolo di spartiacque in tema di tutela ed assistenzialismo. Quella della Corte di Cassazione, infatti, si rivela essere un'autentica pietra miliare nonché un caso in grado di far specie ed orientare, così, una significativa opera di modificazione dottrinale.


Oltre a ribadire ed evidenziare l'inalienabile servizio assistenziale sostanziantesi nel diritto di pausa, la sentenza in oggetto ha di certo contribuito ad instaurare e corroborare un epocale nesso linguistico e, soprattutto, concettuale del primo con il diritto alla mensa; quest'ultimo, equiparato e persino appaiato al predetto diritto di pausa.
L’Avv. Salvatore Lincon, rappresentante di Quartaronello, grazie anche all'impagabile e determinante sostegno del NurSind (Sindacato delle Professioni Infermieristiche) di Messina, ha dunque conseguito un successo emblematico che, senz'altro, avrà degli strascichi ideali e dei risvolti concreti nel breve e nel lungo periodo.