E.C.M. Nursind L'Aquila

 

EVENTI   ECM   Organizzati  da Nursind  L'Aquila

PROGRAMMA ECM  2015

ECM   SULMONA (AQ)  29 MAGGIO   2015 LA RESPONSABILITA' CIVILE 10 CREDITI

 


ELEZIONI RSU 2015

VOLANTINO  RSU NURSIND PE ---  BIGLIETTONI ----- COSE FATTE DAL NURSIND PE ---- VOLANTINO RSU 15.2.15 ---                                                                     REGOLAMENTO  VOTAZIONI RSU ASL PESCARA 2015

 

 

 

English Arabic Chinese (Traditional) German Italian Japanese Portuguese Russian Spanish

Area Riservata



Meteo

Calendario Eventi

Marzo 2015
L M M G V S D
23 24 25 26 27 28 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5

Speciale Sicurezza ASL Pescara

MAPO
Pe1 ---    Pe2 ---  Urologia

Popoli --- Penne

1DVR ps-mi -

 

ORE 13-14,30 PARCHEGGIO DIPENDENTI OFF LIMITS INIZIA LA CACCIA ASL TESORO

La scrivente Organizzazione Sindacale Nursind da anni cerca di sensibilizzare la Direzione Sanitaria

Ospedaliera Di Pescara, il Dott. Fortunato prima ora il Dott. Cortesi, riguardo il grave problema del

parcheggio dei dipendenti soprattutto nel turno pomeridiano. La fascia oraria più problematica, in

particolare dal lunedì al venerdì, risulta essere quindi dalle 13,00 alle 14,30 e riuscire a trovare un posto

auto diventa una vera e propria caccia al tesoro, provocando ai dipendenti stress e ritardi al cambio

turno.


scarica documento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La scrivente Organizzazione Sindacale Nursind da anni cerca di sensibilizzare la Direzione Sanitaria

 

Ospedaliera Di Pescara, il Dott. Fortunato prima ora il Dott. Cortesi, riguardo il grave problema del
parcheggio dei dipendenti soprattutto nel turno pomeridiano. La fascia oraria più problematica, in
particolare dal lunedì al venerdì, risulta essere quindi dalle 13,00 alle 14,30 e riuscire a trovare un posto
auto diventa una vera e propria caccia al tesoro, provocando ai dipendenti stress e ritardi al cambio
turno.
 
Cassazione. Paziente muore per farmaco sbagliato. Confermata condanna per omicidio colposo a “infermiere coordinatore” che non aveva segnalato allergia riportata nell’anamnesi

Il medico incaricato dell’anamnesi, in presenza dell’infermiere coordinatore, aveva segnalato un’allergia all’amoxicillina. Ma in reparto gli viene comunque prescritta dal medico e somministrata causandone il decesso. Per la Corte l’infermiere coordinatore aveva comunque l’obbligo di vigilare e segnalare l’errore essendo a conoscenza dell'allergia del paziente.

Commento Benci

Sentenza

 
DIRITTO ALLA MOBILITÀ DEL PERSONALE DEL COMPARTO SANITÀ UN DIRITTO NEGATO !!!

IL SINDACATO   NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE   IN DATA 28.1.15 HA FATTO RICHIESTA  AL Presidente Del Consiglio E Ministri Del Governo  e ai Parlamentari PROPONENDO UN EMENDAMENTO al comma 1 dell’art. 4 della legge 114/2014 di conversione del DL 90/2014. Mobilità per il personale della pubblica amministrazione.

Scarica Comunicato ----  Scarica Volantino

 
Corte di Cassazione – Penale (violazione della regola prudenziale di informare i sanitari del cambio turno)

La Corte d’Appello, di Torino rideterminando la pena inflitta, confermava nel resto la sentenza di primo grado che aveva dichiarato responsabili del reato di lesioni colpose il medico chirurgo esecutore di un intervento di plastica addominale ed una infermiera professionale preposta all’assistenza postoperatoria.

Secondo l’imputazione, nelle rispettive qualità, gli imputati cagionavano al paziente l'aggravamento della complicanza emorragica insorta - senza colpa - a seguito del trattamento sanitario, facendo insorgere shock emorragico e concreto pericolo per la vita.

In particolare al medico imputato si rimproverava che, dopo l'esecuzione dell'intervento e dopo aver personalmente constatato che il paziente lamentava forti dolori, pur se aspecifici, ancorchè fosse nota la possibile insorgenza di complicanza emorragica in conseguenza del tipo d'intervento (in presenza, tra l'altro, di condizioni soggettive - cardiopatia con pregresso infarto del miocardio - annotate nel referto di visita cardiologica inserito in cartella clinica, che lo esponevano a rischio di gravi conseguenze in caso di emorragia) di aver omesso di impartire adeguate istruzioni al personale di assistenza, nonchè di assicurarsi che fosse disposta adeguata vigilanza postoperatoria sul paziente nel corso della notte e, inoltre, a fronte dell'insorgenza di ulteriori sintomi tali da indurre il sospetto di insorgenza della complicanza, dopo aver visitato il paziente, di aver lasciato la clinica comunicando che sarebbe tornato l'indomani.

La sentenza è stata confermata in Cassazione. [Avv. Ennio Grassini)

Scarica Sentenza

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 1 di 38

Assistenza Infermieristica

ASL Pescara Documenti

Sanità Privata CIA

CIA 13.6.14 RSA de Cesaris

News Letters

Ricevere

Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi30
mod_vvisit_counterIeri80
mod_vvisit_counterQuesta Settimana110
mod_vvisit_counterScorsa Settimana553
mod_vvisit_counterQuesto Mese2729
mod_vvisit_counterScorso Mese4339
mod_vvisit_counterTotali178634

In Linea: 1
IP: 54.197.65.97
,
31 Mar 2015

Sondaggio

Come giudichi il nuovo sito?
 

VOCABOLARIO DIRITTI