Tagli agli enti locali

Tagli agli enti locali e fondi al welfare, tutte le novità della Finanziaria
ROMA (7 dicembre) - Più risorse al lavoro, con la detassazione del salario di produttività e più ammortizzatori per collaboratori e over 50. Ma anche tagli alle poltrone degli enti locali, l'arrivo di un patto per la salute con più risorse per il servizio sanitario nazionale e penalizzazioni per le Regioni che sforano e dovranno aumentare le tasse. E poi: risorse per il Ponte sullo Stretto, i libri scolastici, 5Xmille, la costituzione della Banca del Sud. La Finanziaria leggera ha messo su un po' di peso, durante il passaggio in commissione Bilancio della Camera. Tutto con un solo emendamento.

Circolare 09-2009

Circolare 09- 2009 ecco la circolare Brunetta
(Ministero della Funzione Pubblica, Circolare 9 del 27.11.2009)
Sono pervenute delle richiestedi chiarimento da parte di alcune amministrazioni relativamente all'immediata applicabilitàdella nuova disciplina sul procedimento disciplinare e sui rapporti tra il procedimenti disciplinareed il procedimento penale. In particolare, le disposizioni dei cui agli artt. 55 bis e ter del d.lgs.n. 165 del 2001, introdotti dall'art. 69 del d.lgs. n. 150 del 2009, hanno posto problemi di prima applicazione con riferimento ai procedimenti disciplinarigià avviati ed a quelle situazioni disciplinarmente rilevanti di cui l'amministrazioneabbia già avuto notizia prima dell'entrata in vigore della nuova normativa.

Circolare 11 novembre 2009

Reperibilità degli impiegati nella Pubblica Amministrazione: ecco la circolare Brunetta
(Ministero della Funzione Pubblica, Circolare 11.11.2009)

Sul Supplemento ordinario n. 197/L alla Gazzetta ufficiale del 31 ottobre 2009 è stato pubblicato il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, recante “Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni”. Il decreto legislativo, stante l’ordinario termine di vacatio legis, entrerà in vigore il 15 novembre prossimo.
Il provvedimento normativo contiene sostanziali novità in materia di valutazione, di ordinamento del lavoro nelle pubbliche amministrazioni e di responsabilità dei pubblici dipendenti. In  disparte l’analisi dei vari aspetti innovativi della disciplina, che sarà oggetto di successivi approfondimenti, considerato l’impegno profuso sin dall’inizio del mandato nel contrastare l’assenteismo nelle pubbliche amministrazioni, si ritiene utile richiamare già ora l’attenzione delle amministrazioni su alcuni aspetti della normativa in materia di controlli sulle assenze contenuta nel provvedimento in questione.