E.C.M. Nursind L'Aquila

 

EVENTI   ECM   Organizzati  da Nursind  L'Aquila

PROGRAMMA ECM  2015

LINC  mappa La Gomera Sulmona

ECM   SULMONA (AQ)  29 MAGGIO   2015 LA RESPONSABILITA' CIVILE 10 CREDITI

 


ELEZIONI RSU 2015

VOLANTINO  RSU NURSIND PE ---  BIGLIETTONI ----- COSE FATTE DAL NURSIND PE ---- VOLANTINO RSU 15.2.15 ---                                                                     REGOLAMENTO  VOTAZIONI RSU ASL PESCARA 2015

 

 

 

English Arabic Chinese (Traditional) German Italian Japanese Portuguese Russian Spanish

Area Riservata



Meteo

Calendario Eventi

Giugno 2015
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 1 2 3 4 5

Speciale Sicurezza ASL Pescara

MAPO
Pe1 ---    Pe2 ---  Urologia

Popoli --- Penne

1DVR ps-mi -

TBC protocollo

 

GRADUATORIE ASL

Cassazione. La responsabilità professionale dipende dalle mansioni e attività svolte. E non solo da ruolo e qualifica dell’operatore coinvolto

Questo il principio che ha ispirato due sentenze che hanno ritenuto comunque responsabili un autista di ambulanza che non ha aiutato l’infermiera a movimentare un paziente in lettiga e un medico “frequentatore volontario” per aver mancato di richiedere specifici accertamenti diagnostici a una paziente ricoverata

- La Corte di cassazione estende la “posizione di garanzia” anche oltre i confini tradizionali. 
Prima di inoltrarci nella definizione della posizione di garanzia vediamo succintamente due recentissime sentenze del giudice di legittimità.
Nel primo caso a un autista soccorritore” – figura non riconosciuta a livello nazionale - veniva contestato di non avere prestato collaborazione a un infermiera nella movimentazione di un paziente su una lettiga causandone la morte in relazione al “malaccorto imbragamento e alla circostanza che la barella, in violazione, delle prescrizioni del costruttore, era stata movimentata da una sola persona - l’infermiera giustappunto - invece che almeno da due operatori.
 
Sindrome da fatica cronica nel dipendente ospedaliero, risarcimento del danno e cambio della mansione lavorativa (Cassazione civile sez. lavoro, sentenza 6.8.2014 n. 17693)
La Corte di appello di Brescia, con sentenza del 4.12.2007, in riforma della decisione del Tribunale di Mantova, condannava l'Azienda Ospedaliere Carlo Poma di (OMISSIS) al risarcimento del danno biologico in favore di F.D., per l'aggravamento del grado di invalidità dal 35 al 50%, riconosciuto alla predetta dalla competente commissione sanitaria il 10.12.1998, imputabile alla condotta negligente del datore di lavoro che aveva violato il disposto dell'art. 2087 c.c., danno quantificato in Euro 59.758,46, oltre accessori dal luglio 2003.

 
CIRCOLARE INPS 63 DEL 2015 PENSIONI
PENSIONE
 
NURSIND – SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE - TUTELA DEL PRECARIATO DELLA SANITA’ – ESPOSTO/DIFFIDA L. 234.2012

DPCM PRECARI DEL 6.05.15

PRECARI

 

Il sottoscritto Andrea Bottega, nella qualità di segretario nazionale del “NURSIND”,
sigla sindacale maggiormente rappresentativa del comparto sanità
ESPONE
che, ai sensi dell’art.64 del d.lgs.165/2001, alle sigle sindacali maggiormente
rappresentative è consentito di intervenire, anche in via pregiudiziale, al fine di
definire controversie afferenti l’interpretazione di contratti e/o accordi collettivi;
che il DPCM 6 marzo 2015, pubblicato in Gazz. Uff. nr. 94 del 23-4-2015, che ha
disciplinato le procedure concorsuali per le assunzioni a tempo indeterminato del
personale con contratto a tempo determinato del comparto sanità, non ha disposto la
totale stabilizzazione del suddetto personale avendo imposto una serie di vincoli
finanziari legati ai limiti di spesa previsti da una molteplicità di norme puntualmente
richiamate nelle premesse ai citato decreto presidenziale ;
che, il decreto 6 marzo 2015 è rivolto solamente al personale che alla data del 30
ottobre 2013 abbia maturato negli ultimi 5 anni almeno tre anni di servizio;
Andrea Bottega, nella qualità di segretario nazionale del “NURSIND”, sigla sindacale maggiormente rappresentativa del comparto sanità ESPONE   che, ai sensi dell’art.64 del d.lgs.165/2001, alle sigle sindacali maggiormente rappresentative è consentito di intervenire, anche in via pregiudiziale, al fine di definire controversie afferenti l’interpretazione di contratti e/o accordi collettivi; che il DPCM 6 marzo 2015, pubblicato in Gazz. Uff. nr. 94 del 23-4-2015, che ha disciplinato le procedure concorsuali per le assunzioni a tempo indeterminato del personale con contratto a tempo determinato del comparto sanità, non ha disposto la totale stabilizzazione del suddetto personale avendo imposto una serie di vincoli finanziari legati ai limiti di spesa previsti da una molteplicità di norme puntualmente richiamate nelle premesse ai citato decreto presidenziale ; che, il decreto 6 marzo 2015 è rivolto solamente al personale che alla data del 30 ottobre 2013 abbia maturato negli ultimi 5 anni almeno tre anni di servizio.

 

 
Cassazione. Annullata assoluzione per due infermieri accusati per decesso di un paziente in Pronto Soccorso. Era morto per infarto in attesa di essere visitato. Processo da rifare

In primo grado giudicati colpevoli. Uno per aver sbagliato codice al triage (verde anziché giallo). L'altro (al turno di notte), per la mancata rivalutazione delle condizioni del paziente. In appello l’assoluzione, anche perché veniva constatato l’eccezionale afflusso di persone in quel giorno. Ma per la Cassazione l’affollamento non è una scusante anche perché doveva essere lo stesso personale di PS a dare l’allarme e chiedere rinforzi

08 APR - La Corte di cassazione interviene sul triage di pronto soccorso, sul suo funzionamento e sulle responsabilità del personale infermieristico. Il fatto. Paziente entra al pronto soccorso con dolore toracico a cui viene assegnato un codice verde. Il paziente non viene monitorato e non viene rivalutato. Dopo circa sei ore dall’ingresso il paziente si “accascia improvvisamente” per arresto cardiaco in sala di attesa. Viene immediatamente sottoposto a angioplastica coronarica ma decede per successive complicanze.

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 2 di 40

Sanità Privata CIA

CIA 13.6.14 RSA de Cesaris

News Letters

Ricevere

Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi63
mod_vvisit_counterIeri106
mod_vvisit_counterQuesta Settimana169
mod_vvisit_counterScorsa Settimana1261
mod_vvisit_counterQuesto Mese6543
mod_vvisit_counterScorso Mese6278
mod_vvisit_counterTotali194997

In Linea: 2
IP: 23.20.186.146
,
30 Giu 2015

Sondaggio

Come giudichi il nuovo sito?
 

VOCABOLARIO DIRITTI