CONVENZIONI NURSIND

ASSOCRAL

CONVENZIONI   NURSIND

--  ELENCO CONVENZIONI  ABRUZZO ---  MERCATONE ---    GIUNTI ---   ACQUALAND




E.C.M. e Dintorni Nursind Pescara

REGISTRAZIONE SITO ECM

 

PEGASO  LAVORO

 

Ipasvi-Fnomceo --    FADinMed

EVENTI   ECM   Organizzati  da Nursind  Pescara

PROMOZIONE 40 CREDITI ECM GRATIS 2017

PROGRAMMA ECM  2017

MAPPA SEDE CORSI ECM PESCARA -   linc ----- CALCOLA  PERCORSO ------  Mappa Sede Corsi ECM Pescara 2linc

ATTIVITA' SANITARIA:

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEMANSIONAMENTO

relatore LUCA  BENCI    31.03.2017    (9,5 crediti ecm)

San Giovanni Teatino (CH) Via Po' n° 86  (a 5 KM da Pescara Ovest ) LOCALITA' DRAGONARA ZONA IPERCOOP  - S Hotel

Scarica Locandina Ecm

__________________________________________

MALATTIE PROFESSIONALI,INFORTUNI SUL LAVORO:

ASPETTI MEDICO LEGALI E ISTRUZIONI PER L'USO

Corso ECM 45 Crediti  19- 26 maggio 2017

San Giovanni Teatino (CH) Via Po' n° 86 S HOTEL

Località Dragonara (a 5 Km Pescara Ovest)

Modulo Iscrizione --  Locandina

_____________________________________________

HOTEL  DRAGONARA USCITA  AUTOSTRADA  PESCARA  OVEST ----     MAPPA


HOTEL  LA NINFEA --- MAPPA ---  FOTO

 

 


Modulo ECM Compilabile 1 QUESITI ECM 2 Criteri per Assegnaz. Crediti 3 ECM Liberi Profess. 4 ECM regole e Penalità
Mod Sostituz. Partecipante ECM

5 Sanzioni ECM  2012 6  Sentenza Cassaz. ECM 7 ECM novità 2013 -----  Ecm Precisazioni 17.7.13 --- Manuale Ecm 2013

www.infermieriliberi.it ----  www.nursind.it ---- www.infermieristicamente.it

E.C.M. Nursind L'Aquila

 

EVENTI   ECM   Organizzati  da Nursind  L'Aquila

PROGRAMMA ECM  2017

ACCESSI VASCOLARI: ASPETTI TECNICI E GESTIONALI

24 Crediti ECM

21 e 27 APRILE 2017 SULMONA (AQ)

SALA CONVEGNI  "LA GOMERA" VIA PROVINCIALE MORRONESE - BIVIO BADIA

Scarica Locandina

LINC  mappa La Gomera Sulmona


ELEZIONI RSU 2015

VOLANTINO  RSU NURSIND PE ---  BIGLIETTONI ----- COSE FATTE DAL NURSIND PE ---- VOLANTINO RSU 15.2.15 ---                                                                     REGOLAMENTO  VOTAZIONI RSU ASL PESCARA 2015

 

 

 

English Arabic Chinese (Traditional) German Italian Japanese Portuguese Russian Spanish

Area Riservata



Meteo

Calendario Eventi

Gennaio 2017
L M M G V S D
26 27 28 29 30 31 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5

Speciale INAIL 2

vademecum Inail

 

Speciale Professione

Ipasvi e inail

 

Riforme Pubbl.Ammminstr.

MATERNITA' 2

Speciale Sicurezza ASL Pescara

MAPO
Pe1 ---    Pe2 ---  Urologia

Popoli --- Penne

1DVR ps-mi -

Dvr-Mapo Riab.Po

DVR Blocco

TBC protocollo

 

ARAN AGENZIA

P

LAVORO 1

BANDI MOBILITA INTERNA ASL PE

SENTENZE CASSAZIONE

Assistenza a rischio nelle U.O. di Chirurgia I e Chirurgia vascolare dovuta alla carenza di personale infermieristico e OSS, problema presente anche nelle altre UO ASL Pescara PO

La Scrivente Organizzazione NurSind della Provincia di Pescara, con la presente nota, ritiene opportuno evidenziare le gravi carenze di personale Infermieristico e OSS verificatesi a partire dal 1 ottobre 2016 nelle Unità Operative in oggetto, in quanto i 5 infermieri interinali che prestavano servizio nelle stesse con contratti a tempo determinato non sono stati riconfermati.

Attualmente 2 infermieri dell’ U.O. di Chirurgia 2 compensano parzialmente la carenza coprendo alcuni turni di lavoro, ma determinando contemporaneamente carenze organiche nell’U.O. di provenienza.

lettera 1

La scrivente Org. Sindacale Nursind riceve continuamente segnalazioni in merito  alla grave carenza di  personale OSS e Infermieri . Diversi reparti del PO di Pescara versano  in situazione di sovraffollamento dovute anche alla riduzione dei servizi e posti letto di altri presidi ospedalieri , la maggiore carenza è rappresentata da personale OSS  che se sanato  eviterebbe il demansionamento continuo della professione infermieristica in quanto attualmente  gli infermieri devono continuamente sopperire tale carenza,vedendosi costretti a svolgere mansioni non infermieristiche  quali,quelle di tipo alberghiero, l’igiene personale e il trasporto di pazienti.

lettera 2

 

 
Risarcimento danni al lavoratore se si saltano troppi riposi 6 SETTEMBRE 2016 CASSAZIONE

Per la Cassazione è legittimo il diritto al risarcimento danni al lavoratore per mancato godimento dei riposi compensativi come da CCNL

La Corte di Cassazione, con sentenza numero 17238 del 22 agosto 2016 riconosce il diritto al risarcimento danni al lavoratore esistenziale e da usura psicofisica conseguente al mancato godimento dei riposi compensativi previsti dal CCNL.

Il caso ha riguardato un dirigente medico che chiedeva il risarcimento dei danni da usura psicofisica, morale ed esistenziale per aver prestato servizio in 135 giorni festivi nel periodo luglio 1998 – dicembre 2004 senza godere di alcun riposo compensativo e di avere svolto, nell’arco di ogni anno di servizio, unamedia di 240 turni di pronta disponibilità in giorni feriali, per un numero di giorni nettamente superiori  a quelli  contrattualmente previsti.

La Corte d’Appello di Palermo, in riforma della sentenza di primo grado che aveva rigettato la domanda di risarcimento danni al lavoratore, condannava l’Azienda Sanitaria Provinciale (ASP) di Agrigento “al pagamento della somma di curo 26.075,51 comprensiva di interessi e rivalutazione monetaria sino al dicembre 2011, previo espletamento di CTU volta a determinare, con riferimento al periodo luglio 1998 dicembre 2001, l’importo spettante all’appellante mediante il calcolo, per ogni domenica lavorata o comunque per il settimo giorno consecutivamente lavorato, di un compenso, aggiuntivo a quello eventualmente fruito, pari ai 100% della retribuzione giornaliera ordinaria aumentata dei compenso per il lavoro festivo”. Avverso tale sentenza si proponeva ricorso in Cassazione.

Risarcimento danni al lavoratore se si saltano troppi riposi, sì della Cassazione.

Scarica Sentenze

 
Ferie non godute: diritto sopravvive al trasferimento per mobilità (Tribunale, Brindisi, sez. lavoro, sentenza 10/11/2011 n° 4190)

Il trasferimento per mobilità interna presso una pubblica amministrazione non comporta novazione del rapporto di lavoro.In tal caso si avrà solo sostituzione del datore di lavoro con la conseguenza che il lavoratore trasferito conserverà ogni suo diritto maturato presso il precedente datore, ivi comprese le ferie non godute.

Così il Tribunale di Brindisi, nella sezione lavoro, con la sentenza 10 novembre 2011, n. 4190.

Il prestatore di lavoro ha diritto ad usufruire presso la pubblica amministrazione di destinazione, delle ferie maturate e non godute presso quella di provenienza. Anche la prescrizione è stata interrotta; nella decisione che si annota il Tribunale ha rigettato anche l'eccezione di prescrizione quinquennale sollevata da parte convenuta, poichè la ricorrente ha interroto la decorrenza del termine, con la presentazione della richiesta del godimento delle ferie.

Vi è anche di più per la prova del diritto alle ferie, ossia la confessione del datore di lavoro; il giudice ha riconosciuto provato il diritto alla ferie anche perchè la ricorrente ha dimostrato i fatti costitutivi, mediante produzione del documento con efficacia confessoria (proveniente direttamente dal datore di lavoro) in cui veniva indicato espressamente il periodo maturato dal lavoratore.Il Tribunale ha, quindi, accolto il ricorso, accertando il diritto del godimento delle ferie maturate e non godute.

 

Guida Ferie ---- Sent, Trib. Brindisi

 

 

 
Ricongiungimento familiare ex articolo 42 bis La finalità della norma è di favorire il ricongiungimento di entrambi i genitori ai figli ancora in tenera età.

Nell’art. 42 bis in cui il Legislatore, recependo le direttive comunitarie dirette a tutelare l’istituto della famiglia, ha previsto che: “1. Il genitore con figli minori fino a tre anni di età dipendente di amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, può essere assegnato, a richiesta, anche in modo frazionato e per un periodo complessivamente non superiore a tre anni, ad una sede di servizio ubicata nella stessa provincia o regione nella quale l’altro genitore esercita la propria attività lavorativa, subordinatamente alla sussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva e previo assenso delle amministrazioni di provenienza e destinazione. L’eventuale dissenso deve essere motivato. L’assenso o il dissenso devono essere comunicati all’interessato entro trenta giorni dalla domanda. 2. Il posto temporaneamente lasciato libero non si renderà disponibile ai fini di una nuova assunzione.”.

Chi può usufruirne

Ne usufruisono tutti i dipendenti delle amministrazioni dello stato, e pertanto bisognerà avere:

  • Un contratto a tempo indeterminato;
  • Essere genitore di un bambino di età inferiore a tre anni e avanzare l’istanza prima del compimento del terzo anno di vita del figlio, è da precisare che la norma è pienamente applicabile anche ai genitori affidatari ed adottivi;
  • Essere in possesso dei requisiti professionali del posto libero da ricoprire;

L’Istanza dovrà essere inoltrata prima all’amministrazione di destinazione, dove per essere accolta bisognerà che ci sia un posto vacante nel proprio profilo. Dopodichè, in caso di accettazione dell’istanza, bisognerà richiedere il nulla osta all’amministrazione di appartenenza.

Durata

Il beneficio dell’avvicinamento ha durata massima di tre anni, indipendentemente dall’età del bimbo, purchè rietri prima del compimento del terzo anno di età.

Discrezionalità

La dicitura “il genitore…….può essere assegnato” configura un processo alquanto complicato. La norma purtroppo lascia spazio alla discrezionalità della concessione all’amministrazione di appartenenza. Ciò nonostante, il diniego deve essere giustificato da valide motivazioni. Purtroppo, nonostante gli sforzi del legislatore, sono ancora molte le amministrazioni che non concedono il ricongiungimento familiare, ricorrendo il più delle volte a motivazioni insignificanti e vuote di contenuto. In questi casi, l’unica alternativa sarà di impugnare il diniego nelle sedi competenti.

 

Scarica Sent. Viterbo -------------------   Scarica Sentenza  tar e.r.

 
L’allontanamento del paziente dal luogo di cura: tra obblighi di sorveglianza e libera scelta

Accade che una persona degente o ospite presso un servizio si allontani dal luogo di cura senza che ne sia avvertito il personale della struttura. L’allontanamento volontario dell’assistito, temporaneo o no, è un evento che trova in genere impreparati gli operatori, che non dispongono di solito di procedure interne destinate a guidarli nella gestione di tale evenienza.

Dopo che l’assistito si è allontanato dal luogo di cura/ riposo, che fare? È lecito avvertire l’Autorità giudiziaria? E se sì, quando

e come? In tali evenienze si trovano messi a confronto, se non in contrapposizione, due principi fondamentali: la libertà di scelta del paziente (c.d. principio di autodeterminazione)

e l’obbligo di salvaguardia della persona assistita da parte del personale e della struttura (c.d. posizione di garanzia).

 

Parere Ipasvi ---------   Regol. Reg. Emilia Romagna

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 2 di 53

ASL Pescara Risposte Quesiti

News Letters

Ricevere

Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi286
mod_vvisit_counterIeri305
mod_vvisit_counterQuesta Settimana1371
mod_vvisit_counterScorsa Settimana1561
mod_vvisit_counterQuesto Mese6178
mod_vvisit_counterScorso Mese16966
mod_vvisit_counterTotali373318

In Linea: 9
IP: 54.147.241.171
,
20 Gen 2017

Sondaggio

Come giudichi il nuovo sito?